top
logo

Chi è online

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

Lascia un commento

Invia un commento compilando:

"Pasqua", tempo di festa o di introspezione?
È sconcertante il parallelismo che potremmo fare con la quaresima, il periodo che la precede, 40 giorni di astinenza,di privazioni.
Con questa idea, quest'anno, dovremmo vivere questa festività: il momento della rinascita, dopo tanta sofferenza.
Forse, sarà l'occasione per ritrovare anche noi stessi!
Buona rinascita a tutta la comunità educativa e, a tutti gli abitanti della Casa Gialla, auguro una Buona Pasqua di speranza!
Rosalba
 
Data: 11 aprile 2020
Da: Rosalba
Mai come quest'anno i giorni del triduo pasquale ci ricordano, toccandoci sul vivo, la nostra fragilità e insieme la nostra preziosità.
Mai come quest'anno l'attesa del Risorto, la fine del Grande Silenzio, si carica di autentico desiderio di Vita Nuova.
A tutti e a ciascuno, l'augurio di una gioiosa Pasqua!
 
Data: 10 aprile 2020
Da: Teacher Selena
Stiamo vivendo una brutta situazione, ma questo non ci potrá impedire di passare una fantastica Pasqua assieme ai nostri parenti e amici anche tramite la tecnologia.
Desidero augurare una stupenda Pasqua a tutti voi.
In particolare un caloroso abbraccio alla suora magica e alle suore della CASA GIALLA!
 
Data: 09 aprile 2020
Da: Azzurra Caronti 5A
Grazie per il bellissimo regalo ricevuto ieri dalla Casa Gialla.
Rivedere compagni e maestre/i è stato emozionante e sai suor Fiorangela, la tua carezza è arrivata dritta dritta al mio cuore e a quello dei miei famigliari.
Auguro a te e a tutte le tue consorelle una buona Pasqua, …… Pasqua oggi più che mai di rinascita.
Con affetto e tanta nostalgia!
Allegra e famiglia
 
Data: 09 aprile 2020
Da: Allegra Bolognini 5B
...quando le maestre ci hanno detto di chiudere gli occhi ho sentito la tua carezza suor Fiorangela sul mio viso e il mio cuore si è riempito di gioia e calore!!!
Vorrei ricambiare la tua dolce carezza a te e a tutte le suore che mi mancano tanto come mi manca tanto la “mia” Casa Gialla" che mi ha accompagnato e mi accompagna in questo triste periodo!
Grazie!!!
Io e la mia famiglia vi auguriamo con tutto il cuore buona pasqua!!!
 
Data: 09 aprile 2020
Da: GIADA CORTINOVIS 5B
Ringrazio suor Fiorangela per la dolce carezza, ricevuta chiudendo gli occhi.
Dono, inoltre, un augurio di una serena Santa Pasqua e che la gloria del Signore risorto sia apportatrice di pace e di amore per lei e tutte le altre sorelle della Casa Gialla.
Mi mancate tanto e spero di rivedervi al più presto.
Un dolce abbraccio.
La tua Rachele and family
 
Data: 08 aprile 2020
Da: Rachele 5B
Prima di "scoprire" la nuova piattaforma, voglio ringraziare la scuola e gli insegnanti per l’impegno messo finora, nonostante le difficoltà organizzative/tecnologiche/logistiche che, siamo consapevoli, abbiamo noi, ma anche voi!
Assicurandovi che l’AMORE è arrivato anche a distanza e che siete riusciti a farci sentire a CASA anche ora, vi mandiamo il nostro affetto e l’augurio che l’anno scolastico possa ripartire...
 
Data: 04 aprile 2020
Da: Una mamma di seconda
Un saluto per tutte le maestre!
 
Data: 04 aprile 2020
Da: Riccardo
Mola mia.

E tanti lo dicono.
Molti lo scrivono.
Diversi lo fanno.
Sentirlo ci inorgoglisce
e forse ci dà forza,
forse ci fa sentire
che siamo “uniti”
o possiamo esserlo.

Ma cosa significa?

Mi guardo in giro.
Certamente i medici non mollano,
Magari non tutti;
così pure gli infermieri
e gli operatori sanitari.

Mi guardo in giro.
Gli artigiani che hanno fatto un ospedale
in 7 giorni.
Loro non mollano.
Gli operai e i muratori
che hanno aiutato.
Anche loro non mollano.

Mi guardo in giro.
Le forze dell’ordine, la protezione civile,
l’esercito e gli aiuti degli altri comuni.
Neanche loro forse mollano.

Mi guardo in giro.
E gli altri? E io?

Se guardo a quelli che non mollano,
a queste persone,
mi sento a disagio: io non sto facendo nulla.
Io come contribuisco?
Io cosa sto facendo?
Io mollo?

E allora penso.

Cosa vuol dire “mola mia”?

Mi guardo in giro.
Significa essere ciò che si è.
E' fare tutto ciò che si deve fare
al meglio possibile.
Anche se nessuno ti vede.
Anche se nessuno lo sa...

Chi deve stare in casa.
Chi deve seguire i bambini.
Chi deve seguire il marito o la moglie.
Chi deve seguire un anziano.
Chi deve fare la spesa, anche per altri.
Chi deve dare la sua opinione, anche se costa.
Chi deve educare, anche se non ce la fa più.
Chi deve rispondere al telefono.
Chi deve stare in silenzio, ma vorrebbe gridare a tutti “aiuto, ci sono”.
Chi deve rimanere fedele alle sue scelte
anche se ha paura, tanta, troppa.
Chi ha contro tutti.
Chi non si sente capito.
Chi è solo, profondamente solo.
Chi non è amato.
Chi non sa amare.
Chi pensava di aver trovato qualcuno.
Chi è umiliato e maltrattato.
Chi non ha un lavoro.
Chi non ha più una vita.
Chi non ha più una famiglia,
ma deve conservare il dono della paternità.
Chi sta morendo, anche senza virus o
chi deve semplicemente esistere…

Ecco, nessuno deve mollare.
Tutti devono fare il meglio di ciò che possono fare.
Il meglio, con amore.

Questo significa “mola mia”.
Così aiuteremo.
Così daremo il nostro contributo.
Così ci sentiremo comunità.
Così saremo orgogliosi, tutti.
 
Data: 01 aprile 2020
Da: Adriano
Buonasera,
sono Valerio di Amatrice...volevo esprimere la mia vicinanza a tutti voi che state vivendo drammaticamente questo periodo del coronavirus...
Posso solo dirvi: forza, fede e coraggio fratelli!
Vi abbraccio e prego per tutti noi....
 
Data: 25 marzo 2020
Da: Taddei Vittorio Valerio


Invia un commento
* campi obbligatori.
Nome:*
Email:*
Codice sicurezza:
Inserisci il codice di sicurezza:*
Commento:*
Powered by RS Web Solutions

bottom
top

Calendario avvisi/eventi

Luglio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

bottom